17/07/2017 “Gelato sospeso” l’estate solidale: Abbiamo tutti bisogno di dolcezza04/07/2017 Fantasia al lampone Bussy25/05/2017 Carlo Viti pronto a lanciare il gelato ai baccelli18/05/2017 Eisunion fa shopping al Nord17/05/2017 Pietro Di Noto primo su 500 concorrenti da tutto il mondo grazie al suo “Maciste”

Flashnews

Condividi su

Il gelato artigianale "punta" gli hotel

Il gelato artigianale può, anzi deve, puntare a “entrare” negli alberghi italiani e stranieri, per garantire agli ospiti degli hotel un prodotto simbolo del made in Italy e dell'eccellenza culinaria nostrana. E' quanto emerso durante il convegno “Il gelato in albergo, più soddisfazione per l'ospite, più soddisfazione per i conti dell'albergo”, andato in scena lunedì 28 novembre, nell'ambito della Mig di Longarone.

Durante il dibattito, moderato dal direttore della rivista “Hotel Domani”, Renato Andreoletti, e introdotto dal presidente della Mostra Internazionale del Gelato, Fausto Bortolot, si sono sviscerate tutte le potenzialità del dolce freddo nell'ambito degli hotel: “Il gelato è nato in Italia, ma è sempre più utilizzato da chi con l'Italia non ha niente da spartire – il monito del presidente di Acomag, Gianfranco Tonti -. Lo scenario globale presenta tante insidie, e per chi fa parte della filiera italiana è importante difendere il gelato così come lo intendiamo noi, basato sulla qualità”. Introdurlo negli hotel garantirebbe un plus non indifferente: “Si parla tanto di coccolare il cliente, l'albergo è il luogo ideale per farlo ed in tal senso il gelato può risultare uno strumento sicuramente utile – ha continuato Tonti -. Dobbiamo essere preparati a fare innovazione, tutti i protagonisti dell'hotellerie devono sentirsi pronti a sperimentare, senza paura di sbagliare: l'errore più grave è quello di non osare”. Il tutto con l'aiuto dei professionisti del settore: “Molte attrezzature proposte dai nostri costruttori possono risultare validissime anche per le cucine alberghiere”.

Il partecipato convegno, andato in scena alla presenza di diversi studenti delle scuole alberghiere, è poi proseguito con l'apprezzato intervento di Fabrizio Osti, presidente di Aiipa: “L'offerta alberghiera italiana sta aumentando esponenzialmente, e il gelato, se proposto in modo non banale, può inserirsi con efficacia in questo contesto”. Già a cominciare dalla mattina: “Il primo momento della somministrazione del gelato ai clienti degli hotel può avvenire già in occasione della prima colazione: magari utilizzando con macchine self service, piccole soft ice compatte, che permettono di trasformare lo yogurt in gelato, arricchendolo con salse e granelle rendendolo così un prodotto stimolante - ha proseguito Osti -. Il tutto realizzabile senza troppe difficoltà: i mix per frozen yogurt, ad esempio, sono solitamente delle miscele in polvere di facile e rapida preparazione, a cui aggiungere yogurt fresco e latte in proporzioni variabili”. Ma il gelato può essere proposto dalle cucine degli alberghi anche in altre forme e in momenti diversi: “Penso ad esempio a un dolce freddo proposto come snack, come merenda o dopocena, con la preparazione di coppe che può essere gestita agevolmente, oppure affidandosi a monoporzioni e gelati su stecco”, ha aggiunto il presidente di Aiipa, insistendo sul concetto di gelato gourmet: “Si tratta di una contaminazione che potrebbe rappresentare la strada giusta, liberando la fantasia degli chef a capo delle cucine degli hotel. Qualche esempio? Battuta di fassona piemontese con sorbetto al peperone, oppure un abbinamento caldo/freddo come quello del gelato di cozze con pasta e fagioli. Ma il gelato, in hotel, non va dimenticato nemmeno come dessert a conclusione della cena: “A patto però di andare oltre la banalità del classico gelato con macedonia. Magari con contaminazioni provenienti dall'estero”.

E del resto c'è già chi, e con soddisfazione, propone già gelato artigianale all'interno del proprio hotel. A portare al convegno al propria (più che positiva) esperienza è stato Gherardo Manaigo, titolare e gestore dell'Hotel de la Poste di Cortina d'Ampezzo (“Noi proponiamo il gelato artigianale da tempo, e con soddisfazione: si dovrebbe pensare ad un apposito protocollo nelle Dolimiti, che potrebbe anche ottenere fondi europei”, il suo pensiero), mentre Marco Gennuso, formatore Haccp dell'associazione Liag, si è soffermato sulle principali regole da rispettare nelle cucine alberghiere: “Per produrre gelato in hotel bisogna rispettare le discipline del paccheggo igiene; poi, a seconda dell'approccio, si potrà organizzare un laboratorio separato per la produzione, con vetrine dedicate alla vendita, o in alternativa si potranno utilizzare macchine già presenti in cucina, prestando però particolare attenzione all'analisi dei rischi, delle possibili contaminazioni, della presenza degli allergeni e all'etichettatura dei prodotti”. 

 

 

 

Login

Club del Gelato

» Registrati, è gratis!