La rivista

Alta Classifica: Mucho Gusto

La vista è quella del mare Mediterraneo: è questo il suggestivo e ammaliante belvedere di cui gode la gelateria Mucho Gusto dei fratelli Di Salvo, sul lungomare Mazzini di Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, nella punta occidentale della Sicilia. Un lungo litorale sabbioso, punteggiato da palme e accarezzato dalle onde del Mare nostrum è la bella cornice di un altrettanto delizioso locale, aperto nel 2008 nella cittadina siciliana dall’anima araba dalla coppia dei fratelli Gaspare e Vito Di Salvo

di Angela Abbate - Salvino Russo Photography 

Il braccio è Gaspare, il cui regno è il laboratorio, e la mente è Salvo, come amano definirsi loro scherzosamente. Ma di braccia e menti ne servono sicuramente più di una per dare vita ad una realtà imprenditoriale che, in meno di una decina di anni, è diventata una delle gelaterie di punta di una cittadina ricca di realtà del settore, e che oggi impiega 14 dipendenti.

E’ il 2008 quando il sindaco della città, Giorgio Macaddino, taglia il nastro inaugurale. C’erano già state delle collaborazioni con rinomate gelaterie dei dintorni, ma è con Mucho Gusto, il nome scelto da Vito per il nuovo locale, che si realizza il sogno dei due fratelli di aprire una propria gelateria. Ecco, quindi, che nascono 80 metri quadrati sul lungomare della città, luogo da sempre preferito per le passeggiate di grandi e bambini.

In poco tempo il locale, forte della sua produzione di gelato artigianale realizzato con ingredienti naturali, mosso dal motore della forte passione e dell’entusiasmo di Vito e Gaspare, ingrana la quarta. Ed è subito successo: la gente lo premia e il locale è sempre affollato. E’ Gaspare ad accoglierci nel locale, i clienti lo fermano, ha appuntamenti da gestire, la produzione da portare avanti ma, nonostante sia molto indaffarato, è molto gentile. Sul braccio spicca il nome del locale, tatuato in nero. Ci racconta la loro storia, con il sorriso sulle labbra.

“Sin dall’apertura - mi spiega - abbiamo sempre puntato sulla qualità, la pulizia e la cortesia. La concorrenza era molto forte perchè a Mazara ci sono numerose gelaterie, anche storiche, ma siamo riusciti a ricavarci il nostro spazio e oggi, grazie a tanto impegno e sacrifici, siamo diventati la prima gelateria per fatturato della cittadina”. Quei primi 80 metri quadrati cominciano a stare stretti ai due fratelli, serve compiere un altro passo. Decidono, quindi, di ampliare i locali, acquisendo gli spazi adiacenti e lanciandosi in un ambizioso progetto di ristrutturazione. E’ il febbraio 2017 quando si svolge l’inaugurazione dei nuovi locali che oggi occupano 250 metri quadrati, comprensivi di laboratorio. L’ingresso è sul lungomare dove si trova uno spazio esterno occupato con tavoli e sedie, che continuano anche all’interno in una saletta adiacente all’ambiente principale, con circa 120 posti a sedere. Ad occuparsi della ristrutturazione l’architetto Giacomo Sardo che collabora con una grande azienda edile di Castelvetrano, la GMC di cui è titolare Mario Gucciardo, che opera da venticinque anni nell’ambito dell’arredamento e delle forniture commerciali e che ha firmato diversi progetti per gelaterie. L’effetto complessivo è molto elegante e scenografico, il pezzo forte è sicuramente il soffitto, con onde blu che richiamano il lungomare di Mazara del Vallo, che decorano il soffitto, punteggiate da piccoli fari e intervallate dagli archi in tufo colore dell’oro, originali della stuttura dove si trova il locale. Il progetto è molto innovativo ed è riuscito a coniugare la tradizione degli antichi archi in pietra di tufo con materiali e soluzioni innovative. Ma i fratelli Di Salvo guardano ancora avanti: il progetto futuro è ancora più ambizioso perchè punta ad un giardino di 1.500 metri quadrati che si trova sul retro del locale, recentemente acquistato. “Nei nostri progetti c’è un ulteriore e successivo ampliamento - racconta Gaspare - che metteremo a disposizione dei nostri clienti. Grazie a questo ulteriore spazio esterno potremo offrire uno spazio da vivere davvero in tutte le ore del giorno e della notte e che, nella stagione estiva, può essere una piacevole sosta per un break goloso”. 

Il locale è aperto 24 ore no stop: si comincia la mattina presto e si chiude a notte fonda. “Lavoriamo molto con i giovani, che sono i principali frequentatori della gelateria. Tentiamo di intercettare i loro orari, rimanendo aperti fino a tardi”. Tra i maestri gelatieri consulenti di Mucho Gusto ci sono Angelo Carrino della Pregel e Isidoro Giglio, è grazie alla collaborazione con quest’ultimo gelatiere marsalese che la gelateria ha vinto, durante l’edizione 2017 del Sigep il primo premio al concorso “Mille Idee & una mandorla”, organizzato da Città del Gelato, una delle principali realtà produttrici di semilavorati del settore. La ricetta vincitrice, dal titolo Bouquet siciliano, ha interpretato la pasta di mandorla di Toritto, realizzata in collaborazione con il Presidio Slow Food pugliese Mandorla di Toritto. In un primo momento la ricetta è stata selezionata tra oltre 500 partecipanti, italiane ed estere e quindi ammessa in una ristretta cerchia di 12 preparazioni, dove sono state votate nel corso del Sigep dalla giuria della Federazione Italiana Gelatieri. “Il gusto Bouquet siciliano - continua Gaspare - è una ricetta a base di mandorla, pistacchio di Bronte, cremoso arancia di Ribera e una riduzione di Passito di Pantelleria. E’ la prima volta che partecipiamo a questo concorso e vincere, tra tutte queste numerose ricette è stata una grande emozione”.


Mandorla di Toritto, presidio Slow Food 

Gli inimitabili profumi, colori sapori della Puglia sbarcano in gelateria e pasticceria.
Dalle migliori coltivazioni del territorio ai laboratori artigianali il passo è breve grazie a Città del Gelato, azienda con sede a Noci, in provincia di Bari, e filiali persino in Cina, Indonesia e Marocco.

Un progetto, quello di Città di Gelato, che va oltre l’offerta di straordinarie materie prime, reperite nell’unico posto dove è possibile trovare la pura eccellenza: direttamente dalla natura. I servizi offerti dalla società spaziano infatti a 360°, formazione compresa: Città del Gelato mette a disposizione la propria scuola, con esperti a disposizione per corsi “one to one”, anche “a domicilio”, direttamente nel laboratorio del cliente. Ma oltre a tutti questi servizi Città del Gelato non dimentica la sua vocazione: quella di ricercare costantemente le migliori eccellenze produttive, miscelando le loro fragranze con sapienza per realizzare un sogno ad occhi aperti, quello di un gelato artigianale come una volta. “I nostri prodotti sono fatti per incontrarsi tra loro, dando vita all’esplosione del gusto, mantenendo sempre la ricerca di quei dettagli che sono sempre accompagnati da qualità e genuinità – dice Antonello Calò, D.G. della società -. Per noi è un orgoglio poter affermare che i nostri prodotti nascono dalle fragole di bosco, dai pinoli, dalle delicate more e dai pistacchi siculi”. Un sistema di lavorazione antico, quindi, che si coniuga con una tecnologia moderna, per dare vita a un gelato del nuovo millennio ma dai sapori del passato. Tra questi brilla di luce propria la straordinaria pasta di mandorla di Toritto, presidio Slow Food e vanto produttivo di Città del Gelato, che si vuole fare promotrice della scoperta di una delle migliori mandorle al mondo.

Un gusto intenso, quello della mandorla di Toritto, dalla spiccata pastosità e con note di burro in chiusura: una materia prima impareggiabile, proposta in tante versioni, anche come variegato, copertura o topping, e persino come pasta per granita. Nella grande Città del Gelato c’è posto per tutti quegli artigiani attenti ai dettagli e alla qualità, pronti a sfruttare tutte le peculiarità organolettiche uniche dei prodotti firmati da una azienda emergente, in grado di creare un rapporto unico con ogni cliente, accompagnato passo dopo passo sino al successo. Per saperne di più sul mondo di Città del Gelato è possibile visitare il sito www.cittadelgelato.it 


Il gelato è entrato nella vita di Gaspare molto presto: già a 13 anni dopo la licenza media comincia ad accarezzare il sogno di entrare in questo settore. Quindi il lavoro, per un biennio, alla Pregela, e nalmente la realizzazione delle sue aspirazioni, che condivide con il fratello Salvo, di mettersi in proprio. Oggi nutre la speranza che i suoi due gli piccoli possano un giorno seguire le sue orme. La produzione di gelato è quotidiana e avviene tutto l’anno. Le vetrine sono molto ricche: la scelta per il visitatore è vastissima e avviene tra 50 gusti. Si va dai classici alle preparazioni più sfiziose: per i bambini o dai ragazzi come Ciobar, Rocher, Bueno, Profiteroles, Duplo, biscotto, Setteveli, Minions, Big Babol, Oreo, Cereali, Cookie caramel, Puffo e Pinguino. “Per i gusti alla frutta - continua Gaspare - oltre agli agrumi siciliani utilizzamo frutta fresca di stagione, preferibilmente del territorio. Non mancano gli zuccotti siciliani, il gusto Cassata, Pistacchiosa. Per i celiaci i gusti senza glutine e tra le varietà offerte anche i gelati alla soia. Abbiamo clienti che vengono da lontano che vogliono assaggiare il nostro gelato. Queste sono soddisfazioni che ci fanno andare avanti ogni giorno e che ci spingono a fare sempre di più”. Le brioches sono decorate con toppings o colate di cioccolato, seguendo le mode del momento. Il gelato da Mucho Gusto, che per nove mesi l’anno consente di sfruttare l’area all’aperto con i tavolini, è ormai un passaggio obbligato che anche i turisti apprezzano fin dalle prime ore del mattino. 

Dalla rosticceria alla pasticceria, alle crepes o ai waffel con gelato, la sosta da Mucho Gusto accontenta davvero tutti nei diversi momenti della giornata. La gelateria ha anche una vasta offerta di pasticceria e viene incontro a persone con particolari necessità come ad esempio ai diabetici con i gelati con dolcificanti adatti. “Stiamo per organizzare un bel banco all’antica per le granite, organizzato con i pozzetti dove troveranno posto circa 16 gusti”. E, scommettiamo, saranno anche queste un successo. 

Isidoro Giglio, consulente di “Mucho Gusto” 

E’ una carriera di lungo corso quella del maestro pasticcere e gelatiere Isidoro Giglio. Da anni nel settore, è consulente della gelateria “Mucho Gusto” per cui ha rmato, insieme a Gaspa- re Di Salvo e Gaspare Martinez, il gusto “Bouquet siciliano” che ha vinto al Sigep il concorso “Mille idee & una mandorla”. “Abbiamo onorato la mandorla di Toritto che è un’eccellenza pugliese – ha spiegato Giglio - accoppiandola ai nostri fiori all’occhiello siciliani come il pistacchio di Bronte, le arance di Ribera e il passito di Pantelleria cercando di creare un connubio tra questi gusti. Un lavoro impegnativo che ha portato però dei buoni risultati di cui sono molto orgoglioso”.

Giglio è consulente di diverse realtà del settore, in particolare nella provincia trapanese, da Campobello di Mazara a Salemi. Marsalese, fa parte della Fipgc, la Federazione Italiana di Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria e per il suo lavoro è sempre in giro per il mondo. Tra gli altri, è docente a Tirana, in Albania, presso la Scuola di cucina di Neranxi, la più grande azienda di importazione di materie prime per l’industria dolciaria albanese.

Filoso a di Giglio è quella di valorizzare, nelle sue creazioni, quelli che sono i sapori e i profumi tipici del territorio siciliano.

“Puntare sui prodotti siciliani è un motivo di orgoglio – racconta – oltre a essere di forte appeal per i clienti che desiderano degustare un ottimo gelato, legato alla tradizione dolciaria della nostra splendida isola. Un’offerta legata al territorio rappresenta una grande attrattiva soprattutto per turisti che desiderano provare gusti tipici e tradizionali”. 

Login

Club del Gelato

» Registrati, è gratis!